Results for: farsi Search Results
Family Filter:
2:02
Chi dice che un portachiavi non può essere niente di più? Hai visto portachiavi fare qualunque cosa, portachiavi con torcia incorporata, portachiavi in grado di farsi trovare emettendo un suono, portachiavi che stappano bottiglie, ma un portachiavi spia lo avevi mai visto? Quel portachiavi si chiama xKey ed è un prodotto 4Geek.
5 May 2010
204
Share Video

1:37
Dopo uno scontro quasi fatale con Zala, Lisbeth Salander viene portata in ospedale per una grave ferita alla testa. Sembra che Zala, ricoverato nello stesso ospedale, si trovi in condizioni analoghe. Grazie alle cure dei medici e a un po’ di fortuna, Lisbeth riesce a essere dimessa senza uccidere nessuno o farsi uccidere. Ma ora è in carcere, in attesa di essere processata per tentato omicidio. Come sempre dalla parte di Lisbeth, Mikael Blomkvist, indaga nel tragico e oscuro passato della ragazza alla ricerca di elementi che possano scagionarla.
31 May 2010
229
Share Video

2:04
Davide (Emanuele Bosi) e' il classico ragazzo di successo, sfrontato e sicuro di sé, che c'e' in ogni liceo. E' fidanzato con la bellissima Silvia (Michela Quattrociocche), e' il frontman dei Nais Nois - il gruppo piu' cool della scuola - ed ha un solo, grande sogno: sfondare con la sua musica.Ma arriva il giorno in cui il destino decide di punire la sua sfrontatezza: Davide, in un’unica, devastante giornata perde tutto, amici, band e fidanzata. Ma il destino ogni tanto ti concede una seconda chance: quando Davide capisce che può rivivere quella maledetta giornata e rimettere tutto a posto, comincia proprio dalla canzone che doveva scrivere per Silvia. L’unico modo per riuscirci però è quello di farsi aiutare da Lisa (Agnese Claisse), la "sfigata" della scuola, una compagna di classe che fino a quel momento ha sempre deriso e snobbato.Grazie a lei, Davide riuscirà a trovare le parole per la sua canzone e a rimediare in modo rocambolesco a tutti gli errori commessi. Almeno apparentemente. Sì, perché proprio ora che ogni cosa sembra tornata al suo posto è Davide a non sentirsi più lo stesso di prima. E un dubbio lo assilla: e' ancora Silvia la donna che ama veramente?
13 Jun 2010
2181
Share Video

1:48:16
a famiglia Cantone è proprietaria di uno dei più importanti pastifici del Salento. La nonna aprì l'azienda assieme al cognato, di cui è stata segretamente innamorata per tutta la vita, e ora quegli impulsi sopiti ricadono sulle abitudini di una famiglia schiava del perbenismo alto-borghese. Il rientro a casa del rampollo più giovane Tommaso, trasferitosi a Roma per studiare economia e commercio, è il momento per la famiglia di sancire ufficialmente il passaggio della gestione aziendale ai due figli maschi. Tommaso è pronto a sconvolgere i piani del pater familias dichiarando apertamente la propria omosessualità e il desiderio di seguire aspirazioni letterarie, ma durante la cena ufficiale per festeggiare il nuovo corso aziendale, viene anticipato dal fratello maggiore Antonio che, dopo tanti anni di fedele servizio agli affari di famiglia, si dichiara omosessuale prima di lui e viene per questo espulso dalla casa e dalla direzione dell'azienda. Per non distruggere definitivamente l'orgoglio del padre, già colto da un collasso al momento della rivelazione, a Tommaso non resta altro che dissimulare le proprie preferenze sessuali e assecondare momentaneamente gli oneri familiari. Il cambio di registro non implica un cambio di mentalità. E il sentiero della commedia all'italiana non implica necessariamente una satira cinica e arguta. In questo senso, Mine vaganti non smentisce il peculiare interesse di Ozpetek per le varie forme di squilibrio dei rapporti sociali nel momento in cui all'interno di questi emergono bugie, amenità e piccole tragedie. Ma neanche la sua predisposizione ad assumere un atteggiamento liberale e progressista nei contenuti ma inguaribilmente "centrista" e conservatore nella forma. A dir la verità, l'incipit parrebbe dire il contrario, sottolineando una presa di coscienza da parte del regista italo-turco delle proprie ossessioni. Ozpetek presenta infatti quasi in apertura l'immancabile scena di una grande tavolata di commensali e la sua tipica ripresa che percorre in circolo volti, nuche, bocche che parlano e che masticano. Stavolta però nella perfetta sincronia della tavola, inserisce un detonatore narrativo pronto a far saltare la buona forma delle apparenze e a dotare di ottimo slancio la successiva evoluzione del racconto. Ma è quando il gioco comincia a farsi più scoperto e ai veleni della satira si sostituiscono i balsami della morale, che si capisce che per Ozpetek la commedia sulla realtà della provincia non è tanto Signore & Signori quanto Il ciclone . Il suo modo di gestire gli attori, coordinare le loro performance e i relativi tempi comici, non è quello di chi ha intenzione di creare una vera "commedia queer all'italiana", sintesi di acume, sagacia e sensibilizzazione. I suoi personaggi non sono delle vere "mine vaganti", delle maschere intente a spostare i pigri equilibri del pensiero comune, ma piuttosto delle caricature bizzarre che si divertono alle spalle del perbenismo senza volerlo realmente criticare. E quel che è peggio è che la sua visione dell'Italia retrograda risulta ancor più passatista della mentalità che vorrebbe irridere per l'atteggiamento bonario e paternalista con cui la mette in scena. Per questo, sulle sequenze umoristiche quel che alla fine emerge è la contraddizione fra chi da una parte esalta lo scompiglio e dall'altra si appiglia alla prosecuzione del pensiero comune. Tanto che nell'incrocio di presente e passato, con l'ausilio di un canzoniere vintage che attinge indiscriminatamente al repertorio pop di varie decadi, alla commedia ozpetekiana manca solo l'esibizione di qualche telefono bianco.
7 Sep 2010
1150
Share Video

1:10
Soffocato da una realtà borghese e provinciale, Lorenzo vede un giorno il suo mondo colorarsi di una nuova parola: Erasmus. Chiunque lo abbia fatto torna cambiato, e torna con storie su luoghi lontani, incredibili, fatte di sesso, alcol, amici, zero responsabilità. Così anche Lorenzo si mette in viaggio, direzione Spagna, città di Salamanca, dove lo aspettano nove mesi di pura follia, in cui l'ondata d'entusiasmo è troppo forte per non farsi inghiottire in pieno. Un'avventura dietro l'altra, una notte dopo l'altra, vissute con distacco e ingenuità grazie a una spietata ironia che non risparmia nessuno, tanto meno lui stesso. Almeno finché qualcos'altro non irrompe d'un tratto sulla sua strada, e così a vent'anni ci si ritrova a dover scegliere. Se godere di tutti i piaceri di quello che potrebbe essere l'anno più divertente della sua vita, o se crescere insieme a un sentimento che lo travolge come un treno in corsa: l'amore, quello vero e imprevedibile. www.davidechiara**** AQUISTALO QUI: *******boopen****/acquista/DettaglioOpera.aspx?Param=15348&NClick=1 Montaggio di Valeria Mazzola. Musica originale dei DirtyFake: "The end the night" dall'album Tumorrow. *******www.myspace****/dirtyclub
17 Sep 2010
336
Share Video

1:59
Gustavo Godendo è un cuoco che lavora in una trattoria ‘molto’ romana, ma sogna di diventare un grande chef internazionale. Con lui: un lavapiatti toscano, Cecco, in cerca di avventure con donne sopra i settanta, Rocky, un cameriere romano dai trascorsi come pugile, e la mascotte Gualtiero, un simpatico porcellino d’India. Grazie ad uno stratagemma di Fabio, il figlio di Paolo al quale questi è molto legato, la strampalata combriccola riesce a farsi ingaggiare per un banchetto di nozze estremamente chic a Saint Moritz. Promessi sposi sono Chris, ex fidanzata di Fabio, e Steve, figlio di un banchiere svizzero ai cui soldi mira il padre della ragazza, avendo già dilapidato l’eredità della moglie. A complicare la giù ingarbugliata situazione, intervengono due wedding planner ostinatamente single: Gina, che ha un debole per Steve, e Palma che tenta inutilmente di sedurre Cecco. Fabio dovrà fare del suo meglio per approfittare della situazione e ricondurre a sé la bella Chris...
26 Nov 2010
2401
Share Video

2:18
Dagenham, 1968. La fabbrica della Ford è il cuore industriale dell’Essex (Inghilterra) e da’ lavoro a 55mila operai. Mentre gli uomini lavorano sulle automobili nel nuovo dipartimento, 187 donne lavorano come addette slla cucitura dei sedili nell’ala costruita nel 1920, che ora cade a pezzi. Lavorando in condizioni insostenibili, le donne della fabbrica perdono la pazienza quando vengono riclassificate professionalmente come “operaie non qualificate”. Con ironia, buonsenso e coraggio riescono a farsi ascoltare dai sindacati, dalla comunità locale e dal governo. Rita O’Grady, loquace e battagliera leader del gruppo, sarà un’avversaria non facile per gli oppositori maschi e troverà nella deputata Barbara Castle un’alleata per affrontare il Parlamento. Insieme alle colleghe Sandra, Eileen, Brenda, Monica e Connie, Rita guiderà lo sciopero delle 187 operaie, ponendo le basi per la legge sulla parità di retribuzione.
3 Dec 2010
720
Share Video

6:01
A man has a nightmare and begins to go crazy after he starts seeing the person from his nightmare. (Language:Farsi) There are a lot of jerky edits since I didn't have time to shoot again and fix certain scenes...O-chem and biology exams and THIS Farsi project all the same week...
15 Dec 2010
111
Share Video

2:07
Britt Reid (Seth Rogen), il figlio del più importante e rispettato magnate dei media di Los Angeles, è impegnato a condurre la propria esistenza senza scopi all'insegna del divertimento, fin quando suo padre (Tom Wilkinson) muore misteriosamente, lasciandogli in eredità tutto il suo impero economico. Stringendo un'improbabile amicizia con uno dei più laboriosi ed inventivi impiegati del padre, Kato (Jay Chou), insieme intravedono la possibilità di fare, per la prima volta nella loro vita, qualcosa di veramente importante: combattere il crimine. Ma per poter fare ciò, entrambi decidono di diventare criminali e per proteggere la legge, la infrangono. Britt diviene così The Green Hornet ed insieme a Kato combatte il crimine per le strade. Adoperandosi con la sua ingegnosità e le sue abilità, Kato costruisce un'arma, in stile retro, tecnologicamente molto avanzata, The Black Beauty, una potente macchina indistruttibile. A bordo di una fortezza su quattro ruote, in grado di colpire i cattivi, grazie agli equipaggiamenti di Kato, The Green Hornet e Kato riescono in breve tempo a farsi una certa reputazione e con l'aiuto della nuova segretaria di Britt, Lenore Case (Cameron Diaz), iniziano a dare la caccia all'uomo che controlla la malavita di Los Angeles: Benjamin Chudnofsky (Christoph Waltz). Ma Chudnofsky ha dei piani ben precisi: schiacciare The Green Hornet una volta per tutte.
28 Jan 2011
290
Share Video

2:34
In 'Amore & altri rimedi', Anne Hathaway interpreta Maggie, seducente spirito libero refrattario a qualsiasi legame, compreso quello che considera come una formidabile sfida personale: una relazione stabile. Trova pane per i suoi denti in Jamie Randall, interpretato da Jake Gyllenhaal, giovane brillante che sfrutta il suo fascino inesorabile e quasi infallibile per farsi strada con le donne e nel mondo di tagliagole del commercio farmaceutico. L’intensificarsi della loro relazione nel tempo li coglie impreparati, entrambi sorpresi di sentirsi sotto l’effetto della droga per antonomasia: l’amore. Molte relazioni cominciano dall’amore e arrivano al sesso, questa si muove in direzione contraria, attribuendo al film un senso di imprevedibilità a partire dal racconto di una storia d’amore inconsueta.
20 Feb 2011
6998
Share Video

1:31
Marta ha tredici anni e, dopo dieci anni passati con la famiglia in Svizzera, è tornata a vivere nel profondo sud italiano, a Reggio Calabria, la città dov'è nata. Marta è esile, attenta, con un'andatura un po' sbilenca e un'inquietudine che la fa assomigliare ad una creatura selvatica. Ma ha una grazia speciale, e mentre passa tra gli altri come una piccola fata guarda e sente tutto: non ricorda molto della sua infanzia a Reggio, la città è cresciuta senza nessun ordine, è per lei rumore, resti antichi accanto a palazzi ancora in costruzione e vento, un mare che si intravede vicino e sembra impossibile da raggiungere. Marta inizia subito a frequentare il corso di preparazione alla cresima, l'età è giusta, ed è anche, le ripetono tutti, un bel modo per farsi nuovi amici. Senza la cresima non ti puoi neanche sposare! Incontra così don Mario, prete indaffarato e distante che amministra la chiesa come una piccola azienda, e la catechista Santa, una signora un po' buffa che guiderà i ragazzi verso la confermazione.
28 May 2011
389
Share Video

1:41
Chris Morris dirige Four Lions, una commedia da brivido, dove la farsa illumina il moderno jihadismo: i jihadistisono presentati come esseri umani e gli esseri umani come esseri ridicoli. Quello che ha significato This Is SpinalTap per l’heavy metal e Il Dottor Stranamore per la Guerra Fredda, Four Lions lo fa per il terrorismo moderno. In una città inglese, quattro uomini hanno un piano segreto. Omar (Riz Ahmed) è stanco del modo in cui i Musulmanisono trattati in giro per il mondo ed è deciso a diventare un combattente e Way (Kayvan Novak) non ha maisentito cosa più entusiasmante di questa; solo che Omar vuole agire solo. Contro di lui e contro il mondo si scagliail bianco Barry (Nigel Lindsay), convertito all’Islam, che si rende conto di aver scelto di unirsi alla cellula islamicaper trasmettere il suo nichilismo –se solo avesse metà della consapevolezza di un’anatra. Faisal (Adeel Akhtar) èl’intruso. E’ quello capace di fare una bomba ma non più capace di farsi saltare in aria perché proprio ora il suopadre malato ha "iniziato a mangiare giornali". Allora insegna ai corvi a lanciare bombe attraverso le finestre.Omar dovrà fare i conti con tutto questo. I quattro devono portare a termine un attentato nel loro territorio ma nessuno è in grado di accendere un cerinosenza darsi un pugno in faccia. Con Four Lions andiamo oltre l’imperscrutabilità di questi strani personaggi: il filmscalza la follia della semplice eliminazione dei personaggi o peggio dell'alienazione della cultura da cui provengono.Il film non è né in favore né contro la religione. Lo spirito emerge dai conflitti, invece gli eccessi dagli errori deipersonaggi. Grazie al crepitio di tensione e umorismo che lo contraddistingue, Four Lions è la risposta essenzialeal nostro fallito impegno di affrontare la realtà e un eccellente sostegno all’idea che ridere è meglio che uccidere.
1 Jun 2011
619
Share Video

0:38
Bronson è basato sulla vita di uno dei più famosi criminali inglesi, Michael Gordon Peterson. Nel 1974, a 19 anni, Peterson era un teppistello che per farsi un nome, tentò di rapinare un ufficio postale con un fucile a canne mozze. Arrestato, fu condannato a sette anni di carcere: ma in prigione, ossessionato dall'idea di diventare famoso, iniziò ad attaccare con violenza gli altri detenuti e i secondini, ottenendo così prolungamenti di pena che lo fanno rimanere in prigione ancora oggi. 34 anni passati dietro le sbarre, 30 dei quali in isolamento: nel corso di questi 34 anni, Michael Gordon Peterson ha assunto il "nome d'arte" di Charles Bronson.
10 Jun 2011
258
Share Video

0:29
With a network of more than 200 linguists located in their native countries specialized in an extensive 25 different languages and 10 major business world languages. We provide European languages such as French, German, Portuguese, Spanish, Swedish, Finnish, Italian, Dutch & etc… To Middle East countries languages such as Arabic, Farsi, Turkish, Dari, Pushto, Urdu & etc… To the dry sand of Africa languages such as Somali, Swahili, Zulu, Swazi, Xhosa, Sesotho & etc… And to the largest continental of the world Asia languages such as Simplified & Traditional Chinese, Thai, Hindi, Tamil, Vietnamese, Tagalog, Japanese, Korean, Bahasa Indonesia, Malay & etc… We have a large number of professional and highly qualified linguists specialized in their own industry. Players from Legal, Finance, Business, Medical, Pharmaceutical, Technical, Telecommunications, Electronic and Electrical, Advertising , Marketing & etc… Call us at +656327820 or visit our website at www.translationexpress****.sg for more details. No frills just Translations!
16 Jun 2011
106
Share Video

0:28
At The Law Offices of Shah and Shah, we can help with immigration law, criminal law, family visa law, personal injury, and more – and we keep up with the demands of the ever-changing environment. French, Farsi, Pashto, Spanish, Urdu, and Chinese are all available on site, while weekends and evening hours are provided by appointment. The Law Offices of Shah and Shah, Call today for a free consultation
24 Jun 2011
60
Share Video

0:55
Afghan Pashtun girls are dancing sexy islam muslim kabul balkh herat mazar afghan afghanistani panjshir kandahar farsi khorasan tajik hazara pashto pashtun hamid karzai ahmad shah masood massoud iran tajikistan tajik parwan kapisa helmand kandahar khost paktia paktika ghazni ghor badakhshan kunduz kabuli khurasani tolo tv ariana tv khorasan tv hamid qaderi habib qaderi ehsan aman farhad darya wahid qasimi wahid saberi naghma mangal nashinas gul zaman peshawar Afghanistan afghan afghani afghanistani khorasan khorasani khurasan farsi parsi persian dari tajik tajiki tajikistani tajikistan uzbek uzbeki uzbekistani dostum karzai massoud herat kabul balkh mazar kunduz panjshir parwan kapisa kunduz islam muslim kabul balkh herat mazar afghan afghanistani panjshir kandahar farsi khorasan tajik hazara pashto pashtun hamid karzai ahmad shah masood massoud iran tajikistan tajik parwan kapisa helmand kandahar khost paktia paktika ghazni ghor badakhshan kunduz kabuli khurasani tolo tv ariana tv khorasan tv hamid qaderi habib qaderi ehsan aman farhad darya wahid qasimi wahid saberi naghma mangal nashinas gul zaman peshawar Afghanistan afghan afghani afghanistani khorasan khorasani khurasan farsi parsi persian dari tajik tajiki tajikistani tajikistan uzbek uzbeki uzbekistani dostum karzai massoud herat kabul balkh mazar kunduz panjshir parwan kapisa kunduz baghlan laghman logar ghazni kandahar helmand peshawar islam muslim wahhabi taliban mullah omar shia sunni (more) afghan afghanistan tolotv iran kabul pashtun pashto farsi taliban karzai dari afghani tanweer786 tajik hazara khorasan
27 Jun 2011
18314
Share Video