Results for: luigi lo Search Results
Family Filter:
2:18
( *******www.michelefedrigotti.it ).From soundtrack of movie "La Vita Che Vorrei" (2004), by Giuseppe Piccioni, with Luigi Lo Cascio, Sandra Ceccarelli, Galatea Ranzi, Fabio Camilli, Roberto Citran. Michele Fedrigotti ( *******www.myspace****/michelefedrigotti ) is an italian pianist, director and classic music composer. The left-side images were extracted from site *******www.v2.freedomwallpaper****/ . The right-side images were kindly provided by director M. Fedrigotti
12 Oct 2011
293
Share Video

2:50
WWW.RBCASTING.COM ALESSANDRA MASTRONARDI - Intervista di Marialuisa Di Simone per RB Casting, in occasione della Manifestazione contro i tagli al FUS (Fondo Unico dello Spettacolo) - Roma, Piazza Montecitorio, lunedì 21 luglio 2009. A popolare la piazza, tra gli altri (in ordine alfabetico): Alba Rohrwacher, Alessandra Mastronardi, Alessandro Roja, Ascanio Celestini, Carlo Lizzani, Carlo Vanzina, Carlo Verdone, Cecilia Dazzi, Citto Maselli, Claudio Santamaria, Cristiana Capotondi, Daniele Luchetti, Daniele Vicari, Dario Franceschini, Eliana Miglio, Ennio Fantastichini, Enrico Lucherini, Ettore Scola, Francesco Piccolo, Giovanni Albanese, Giovanni Veronesi, Giuliano Montaldo, Giulio Scarpati, Lidia Vitale, Loris Loddi, Luca Barbareschi, Luca Lionello, Luca Zingaretti, Lucrezia Lante Della Rovere, Luigi Lo Cascio, Luisa Ranieri, Maria Sole Tognazzi, Marco Cocci, Mariangela Melato, Mario Monicelli, Massimo Ghini, Nanni Moretti, Nathalie Rapti Gomez, Paolo Virzì, Pierfrancesco Favino, Pino Amendola, Pino Quartullo, Ricky Tognazzi, Sandro Petraglia, Silvio Orlando, Stefano Accorsi, Stefano Rulli, Valentina Lodovini, Valeria Solarino. EMERGENZA CULTURA, SPETTACOLO, LAVORO Se l'Italia è famosa nel mondo per il suo cinema, il suo teatro, la sua danza, la sua musica lo si deve anche a noi. Siamo tanti, più di 200.000, in larga parte precari, intermittenti, non tutelati in materia di diritti e garanzie sociali. Siamo i lavoratori dello spettacolo. Da oggi una categoria in via di estinzione. Perché lo stato italiano investe per il nostro settore quindici volte meno di quello che fanno gli altri Stati Europei. Perché il governo Berlusconi, dopo aver colpito tutti i settori della cultura, della scuola e della ricerca, sta azzerando, in un processo avviato da tempo, il finanziamento previsto per il Fondo Unico dello Spettacolo del 2009 e dimostra così di continuare a considerare l'arte e lo spettacolo come una spesa invece che un investimento. Perché il ministro Bondi davanti al Presidente della Repubblica ha solennemente promesso il suo reintegro e invece il decreto che sta per essere approvato in Parlamento in questi giorni dimostra che ha solennemente mentito. Dai prossimi mesi si vedranno meno film, meno spettacoli teatrali, meno concerti, meno serie televisive, meno artisti, si avranno meno lavoro e meno idee - in un panorama di pretesi risparmi che finiranno per rendere il paese più povero di emozioni, di pensieri, di capacità critica, di profondità, di energia creativa, di identità nazionale. Noi siamo qui per chiedere ai parlamentari di tutti i partiti di impedire quello che si configura come un pressoché totale annientamento della produzione artistica italiana. E per difendere il diritto del Paese ad avere una cultura e una comunicazione degna di questo nome.
29 Aug 2010
317
Share Video