Results for: cuore Search Results
Family Filter:
9:26
Ci abbiamo lasciato il cuore e non solo ;)
31 Aug 2017
135
Share Video

3:42
Lento - Vivere è così Ascoltalo e scaricalo - su Spotify: - su iTunes: Ideato, diretto e girato da Brace Beltempo Testo: Alessandro Sampietro Musica: Alessandro Sampietro e Marco Allegri Produzione, mixing e mastering: Marco Allegri Ringrazio e abbraccio il cuore di : Dade Sampi, Alice Sampi, Marco Allegri, Marco Trullu, Eddy Chiaberge, Brace Beltempo, Danilo Olivieri , Francesco Romeo , Linda Quadrio Danilo Zambianchi e la loro Stella , Luca Giosetti Claudia Girola , Michela Milan , Ismenia Dos Santos, Roberto Monosi , Ermen Maratea, Marco Valente Maurizio Malagrinó, Samuele Savina, Veronica Bozzaotre, Simona Iannace. Corso Como e il LoolaPaloosa Un grazie speciale a Sofia , Francesca Tosarello e Dafne Balestriero.
11 Apr 2018
262
Share Video

0:30
Nel Grande Sud, Ouarzazate costituisce uno dei punti di partenza privilegiati per andare alla scoperta delle kasbah. Queste cittadelle costruite in argilla compattata, semplici ma al tempo stesso sontuosamente decorate con motivi geometrici, rappresentano la cultura berbera. Il tour vi farà immergere immediatamente nel cuore di ciò che state cercando: questo vale anche per Ouarzazate, con la kasbah Taourirt, vero e proprio gioiello dichiarato patrimonio mondiale dall’Unesco.
8 Aug 2018
153
Share Video

2:02:08
Una grande puntata tra il cuore e l'anima di vite in arcobaleno con uno special guest nello studio di SwitchKind Radio - Matteo Pesaresi con Paola Gallelli
13 Nov 2018
120
Share Video

4:24
Testo e musica di Luca Caperna Testo Stavo male triste il cuore perchè non c'eri tu ti ho cercata,ti ho scovata ma intanto andavo giù, e non sapevo neanche come eri fatta tu ma l'istinto ti ha guidata e sei giunta qui da me. Abituato a stare male io non ero pronto a te. Mio Dio Natalia,io ti ho sognata e po sei stata vicino a me, poi sei fuggita,io ti o inseguita e ritrovata davanti a me. Ma stavolta era diverso eri diversa tu ho iniziato quindi a giocare coi ricordi miei di te ma il ricordo presto è diventato solo n rimpianto in più e pensarti si è trasformato in un gran malessere; abituato a stare male ho avuto paura di te. Mio Dio Natala,chi si rivede chi non ci crede si pentirà; sai l'ho capito,è tutto vero quel che è accaduto tra me e te. Non ho mai capito il motivo delle tue fughe da me le tue folli corse verso cosa,chi lo sa se il posto tuo è con me. Perciò dire,se vuoi restare no non fuggire rimani qua; tu hai Natalia la pelle chiara e dolce aria di libertà.
8 Feb 2019
215
Share Video

4:16
Testo e musica di Luca Caperna Testo Io che cerco di capire che cerco di vedere anche quello che non c'è io mi inventerò una scusa ti faccio una sorpresa ti vengo a prendere e via andiamocene via da questo mondo infame che non ci vuole più. suvvia andiamocene via ti prenderò giù a scuola e ce ne andremo via. ma con te vedo te e una vita che è finita ma con te vedo te nel tuo cuore canta l'amore è finita. io che cerco di inventare tra gli angoli del cuore la tua vivacità tu che splendi più del sole riscaldi questo mare che gela dentro me noi due diversi più che mai staremo bene insieme e questo tu lo sai. suvvia andiamocene via ti prenderò giù a scuola sarai bella più che mai. ma con te vedo te e una vita già finita ma con te vedo te nel mio cuore canta l'amore è finita. ma io piango per strada pensando a te mi addormento la sera pensando a te salgo sopra al mio treno ma penso a te. ma con te vedo te solo il cuore chiama amore ma con te vedo te solo il cuore canta l'amore è finita.
4 Mar 2019
103
Share Video

4:14
Testo e musica di Luca Caperna Testo E' già l'una e trentatrè lascio tutto e corro corro da te ieri ho pianto tanto sai non importa più niente ormai ora che sei tornata ora che sei di nuovo con me ce ne andiamo col treno amore io e te nella città del sole. Oh mio Dio quante rose ad ochio e croce saranno trentatrè solo un grande architetto le potrà contare tutte sai aforismo nel vuoto sfoghi aperti e mai chiusi ma sempre rettificando io e te nella città del sole. Pensa a questa città potrà essere in Europa,chissà camminiamo in città una fune al collo ci segnerà prima di far l'amore perchè non strappiamo via qualche cuore senza minimo errore io e te nella città del sole. S'è fatto tardi ormai è ora di tornare a vivere a viver tra virgolette la semiretta dei miei sabati ma perviene ancora quella lotta che c'è dentro di me ritorniamo allora io e te nella città del sole. Splendiamo di luce io e leio nella città del sole noi siamo vicini siamo una cosa sola e la campanella già suona in noi splendiamo di luce io e te nella città del sole.
4 Mar 2019
91
Share Video

3:07
servizio a cura di ANTONELLA PEDERIVA "Aspettavo che sbagliaste qualcosa, dimostratemi che non provenite da un altro pianeta". E' il commento che, Ermal Meta, fa allo straordinario quartetto, gli Gnu Quartet, che lo accompagna in questa sua nuova avventura musicale "Ermal Meta a Teatro", arrivato, sabato 9 marzo, al Lyrick di Assisi. Aldilà della sua indiscussa bravura e dei brani presentati, Ermal Meta, rivela, ancora una volta, la sua profonda umiltà, mettendo a nudo il suo essere persona, anziché personaggio. Non si atteggia a star, Ermal, non si erge fiero della sua notorietà. Dialoga con il pubblico, il suo pubblico, i fan che lo seguono ovunque, che organizzano pulman, che tramite i tantissimi fanclub, intessono tra loro relazioni, chiedono informazioni e passaggi per raggiungerlo, per vederlo,per cantare con lui, per conoscerlo. Si fanno chiamare "Lupi di Ermal", dal giorno in cui, sul palco di Sanremo, a chi gli augurava"in bocca al lupo" rispose " che il lupo sia con me". In un teatro gremito e sold out già da tempo, come succede d'altronde in tutti i suoi concerti, Ermal non si risparmia, portando sé stesso, la sua musica, nuove sonorità acustiche e tutta la sua umanità, distribuendo buoni sentimenti, bellezza e positività. Sta tutto in questo la grandezza di un artista: riuscire a creare empatia, feeling, coinvolgendo tutti, dal bambino, all'adulto, all'anziano. Scherza, Ermal, chiede alle donne presenti di urlare "qui", e poi lo chiede agli uomini. Il boato delle donne dimostra, che la sua sensibilità tocca fortemente il cuore femminile, chiede perdono agli uomini che sono stati costretti ad accompagnare, mogli, sorelle o fidanzate. Entra nel cuore dei presenti e trasforma la sua esibizione in un ritrovo tra amici, uniti dalle medesime affinità. Mille posti a sedere, mille voci che si alzano ad accompagnarlo, duemila mani che scandiscono a ritmo i suoi brani e che lo salutano con un lungo affettuoso applauso.
11 Mar 2019
259
Share Video