Results for: progetto Search Results
Family Filter:
1:40
Cina, anni Sessanta. All'inizio della Rivoluzione Culturale, il giovane Chen Zhen lascia Pechino in compagnia di un gruppo di altri studenti, come lui inviati sull'altopiano della Mongolia interna. Finalità del viaggio è non solo educarsi al lavoro ma anche di entrare in relazione con le popolazioni locali, poco inclini ad assoggettarsi ai principi del nuovo governo cinese. Le tribù nomadi che abitano la regione conducono infatti un’esistenza dedita alla caccia e alla pastorizia, non dissimile da quella dei loro antenati ai tempi di Gengis Khan. In una terra estrema e affascinante, sullo sfondo delle crescenti tensioni con l’esercito sovietico, Chen Zhen entra così per la prima volta in contatto con un mondo ancestrale in cui le dimensioni del sacro e del soprannaturale permeano ogni cosa, compresa la quotidiana e delicata relazione con i lupi, i grandi predatori che contendono all’uomo la supremazia in quell’inospitale territorio. Grazie agli insegnamenti del vecchio Bileg, che lo ha adottato come un figlio, Chen Zhen si libera dell’atavico terrore nei confronti dei lupi, imparando ad apprezzarne il valore. E scoprirà che è proprio grazie al loro esempio che i mongoli, nel corso dei secoli, hanno forgiato il proprio indomito carattere improntato ai valori del coraggio, della libertà e del rispetto della natura. Vivendo giorno dopo giorno al fianco dei nomadi, Chen Zhen si convince sempre più della necessità di liberarsi di quella “mentalità del gregge” da cui vede affetti i cinesi suoi contemporanei, per tornare ad abbracciare i valori della libertà individuale. Nel frattempo, però, l’imperiosa spinta cinese alla modernizzazione comincia a far sentire la sua forza anche sul grande altopiano: il progetto di bonificare forzatamente l’intera regione per trasformarla in area agricola, alterandone così i fragili equilibri ecologici e sociali, imporrà a Chen Zhen scelte difficili, talvolta drammatiche, dalle quali egli emergerà profondamente mutato. Nato dall’esperienza diretta dell’autore, vissuto per undici anni nella Mongolia Interna, Il totem del lupo è il frutto di un lavoro di studio trentennale nel quale leggenda, storia e avventura si fondono per dare vita a un’opera intensa e controversa, che scuote dalle fondamenta il nostro modo di giudicare non solo la Cina di oggi, ma la storia stessa dell’umanità.
4 Apr 2008
971
Share Video

2:12
Nasce Cubetto: divano, gioco, casa, letto. Fab3 Design e La Casa de Pepa presentano un nuovo progetto modulare per accomodare i vostri piccoli. Il sistema di configurazione di Cubetto permette ai vostri bambini di costruire i propri spazi gioco e relax secondo la loro libera interpretazione, creando infinite possibilità. Cubetto, un mondo di colori e magici amici.
15 Aug 2009
710
Share Video

3:38
Politecnico di Milano Design della Comunicazione Laboratorio di Progetto della Comunicazione 2007/2008 Docenti Galbiati Maria Luisa Bellavita Luigi Progetto I RITRATTI DI ULIANO LUCAS Valentina Gazzara Davide Iemmola Mehmet Dogan Safak Korkut Giulia Miglioli Andrea Murgia Un cortometraggio sulla vita del fotografo milanese, Uliano Lucas. Partendo dal ritratto che Uliano ha fatto di Rino Vaghetti raccontiamo i momenti precedenti allo scatto stesso. A short movie about the life of the milanes photographer, Uliano Lucas. Departing from the portrait of Rino Vaghetti shot by Uliano Lucas ("Rino Vaghetti - poet - 1963", Uliano Lucas), we told the previous moments before the shot.
11 Jul 2008
737
Share Video

4:16
Il videoclip è stato realizzato dagli studenti del 3° anno (a.a. 2005/2006) di Illustrazione dell' Istituto Europeo di Design di Torino con il coordinamento del Prof. Vincenzo Gioanola (già regista del video "Fight da Faida" di Frankie Hi Energy). Per realizzare il progetto e ottenere questo particolarissimo risultato, la canzone è stata suddivisa in battute e ognuno ha interpretato in modo istintivo la propria parte del brano. Ventitrè ragazzi hanno disegnato e inciso ogni singolo fotogramma della pellicola cinematografica, realizzando circa 7825 disegni. The video was made by third year students (2005-2006) in Illustration at the European School of Design, Turin, under the supervision of Prof. Vincenzo Gioanola ( "Fight da Faida" di Frankie Hi Energy). To create this work, 23 students designed and incised each photogram of the film, producing some 7825 designs. After dividing the song into verses, the students interpreted the part they were assigned. The piece “Linfa Vitale” is part of a new recording of the Turin rock band Avvolte Kristedha.
20 Jul 2008
837
Share Video

1:33
il trailer del documentario prodotto da meddleTv e TamTamFormazione e servizi sul progetto Ecotaxi della coop. soc. BlowUp di Roma
27 Aug 2008
705
Share Video

0:46
Video adv for the italian humanitarian association Canguro Flights Aid. Support us to create the first european Air Hospital. www.canguroaid**** Canguro onlus Flights Aid ringrazia il giornalista Mediaset Toni Capuozzo, per aver prestato la sua immagine gratuitamente, per promuover il progetto. Si ringrazia anche l'agenzia pubblicitaria Armando Testa, per la sua realizzazione.
19 Sep 2008
362
Share Video

0:32
Unboxing Persepolis (the movie by Marjane Satrapi) DVD Jewelbox. DVD edizione Italiana, progetto grafico del manifesto originale di Matteo Bianchi Fasani.
9 Feb 2009
387
Share Video

0:33
Video promozionale dell'associazione Canguro onlus Flights Aid, per il progetto Air Hospital, volto a realizzare il primo Aereo Ospedale europeo. Promotional video for the first European Air Hospital. www.canguroaid****
22 Sep 2008
224
Share Video

3:32
Una linea che si rivolge ad un target giovane e femminile, che predilige abiti easy, semplici e destrutturati, con spunti fashion molto forti. La Collezione è stata studiata nei minimi dettagli da una equipe di giovani stilisti, per una proposta nuova e fresca, con l'intenzione di dare una scossa positiva al mercato, ben conoscendone le esigenze. Un prodotto fashionable leggero e di facile lettura. La garanzia del progetto è firmata COTIN SPOSA, che da sempre crede nel prodotto del tutto firmato Made in Italy. A style addressing to a young and female target, opting for easy, simple and not structured dresses having very strong fashion inputs. It is conceived in details by a staff of young stylists, aiming at positively, freshly and newly shaking the market without leaving its needs off. A fashionable, light and readable product. The project guarantee is by Cotin Sposa, always trusting in a total Made in Italy product. Beautiful - New Collections 2009 Wedding Dresses Made in Italy - Cotin Sposa www***tinsposa**** infocotinsposa.it *******cotinsposa.blogspot****/
30 Oct 2008
1995
Share Video

3:32
Stefano Fucili nasce a Milano nel 1971 ma vive, dall'età di 6, anni a Fano (PU). Suona la chitarra, canta e compone da quando aveva 13 anni. Dopo varie esperienze in gruppi locali inizia una intensa attività live con i "Lineamenti", band con cui esegue cover (Sting, U2, Rem, Oasis, Clapton, Lenny Kravitz, etc.) e propri brani inediti, esibendosi in vari locali della riviera adriatica. Le sue influenze musicali sono molto varie, ma si possono individuare principalmente nel pop-rock e folk internazionale dagli anni ottanta fino ai giorni nostri e nella musica d'autore italiana di ieri e di oggi. 1998: Vince il Festival di San Marino con il suo brano inedito CHIARA. A settembre la Pressing di Lucio Dalla pubblica il suo primo cd singolo (distibuito BMG-Ricordi) intitolato "CHIARA", contenente tre diverse versioni del brano, una delle quali vede la partecipazione di un importante personaggio della scena Hip Hop italiana Master Freez. Nello stesso anno apre il concerto di Dalla e Carboni tenutosi al Salone della Musica di Torino. 1999: Esce il suo primo cd "BONSAI" che riscuote subito un buon successo nelle play-list di tutte le radio nazionali (tra i primi del Music-Controll) e il video viene passato in alta rotazione da TMC2, MATCH-MUSIC, VIDEO ITALIA. Apre il concerto di Paola Turci a Pescara. Vince una delle serate del Girofestival (Rai 3). 1999: Partecipa a tutte le tappe del tour estivo di Radio Italia Solo Musica Italiana nelle piazze di tutta Italia culminato con la serata finale di Monza dove tra gli altri partecipano anche Lucio Dalla, Laura Pausini, Giorgia, Fiorella Mannoia, Alex Britti. Nel Novembre dello stesso anno è ospite alla trasmissione televisiva "Super" di Italia 1. 2000: Esce il singolo "TI PORTERO'", accompagnato dal video realizzato, in parte anche in Irlanda, dal regista Enrico Secchiamoli. 2001: Scrive per Lucio Dalla la musica e parte del testo della canzone "ANNI LUCE", contenuta nell'album del cantante bolognese "Luna Matàna". Nello stesso disco collabora come corista. Ad ottobre entra nella rosa dei 24 finalisti per le selezioni di "Sanremo Giovani". Partecipa al 4° Meeting Internazionale di Loreto che vede tra gli altri la partecipazione di Angelo Branduardi. 2002: Scrive la musica di una ninnananna dal titolo "Ninna Mamma" (testo di Depsa) per il Coro dell'Antoniano di Bologna, inserita nel CD "Le più belle canzoni dedicate alla Mamma" (CGD). Il brano viene utilizzato come sigla di chiusura dell'omonima trasmissione andata in onda in prima serata su RAI 1. A giugno apre il concerto dei Nomadi nella Piazza Del Popolo di Pesaro. 2003: vince la tappa di Senigallia del Tim Tour 2003, con un il brano inedito “SINGLE”,. Il 2 Agosto, nella piazza di Loreto (AN) apre il concerto di Ron. Partecipa alla serata finale del Tim Tour 2003 in piazza Duomo a Milano con la canzone “SINGLE”. A dicembre viene pubblicato dalla CNI il CD “Tagadà” dell’amico cantautore Stefano Manganelli che contiene due brani scritti insieme dal titolo “La banda del Fico” e “ Verrà quel giorno”. 2004: inizia a lavorare ad un nuovo progetto discografico autoprodotto e contemporaneamente inizia una collaborazione con la Mediafilm (gruppo Madusafilm) per la realizzazione di brani da inserire in colonne sonore di film per il cinema e la televisione. 2005: iniziano mixaggi dei primi brani del suo nuovo album, affiancato da Stefano Melone fonico, tastierista e produttore gia collaboratore di Ivano Fossati, Cristiano De Andrè, Ron, Caludio Baglioni e molti altri. Prosegue la sua attività live sia con la band che in una formazione acustica. A novembre viene pubblicato il DVD del cartone animato “L’incredibile avventura del Principe Schiaccianoci” (MEDIAFILM/Limonta Editore - 20CenturyFOX) con allegata la canzone “Vele” scritta da Stefano Fucili. 2006: viene selezionato tra i finalisti per le Audizioni Live del festival della musica d'autore di "Musicultura". A luglio esce il suo nuovo cd "Peter Pan", da cui viene estratto il primo singolo "Baciami". Il disco, arrangiato da Stefano Fucili, è mixato da Stefano Melone (già collaboratore di artisti quali Ivano Fossati, Baglioni, Cristiano De Andrè, Famule Bersani, Ron) e vede la collaborazione di diversi amici musicisti. Il testo del pezzo che da il titolo all'album, "Peter Pan", è scritto da Stefano insieme al grande cantautore bolognese Lucio Dalla. A novembre il disco viene messo in distribuzione a livello internazionale dalla casa americana "CD BABY" e su tutti i portali di download a pagamento (iTunes, Napster, SonyConnect etc.) A Dicembre esce nelle radio il singolo Lullaby suonato da oltre 80 emittenti del territorio nazionale, a cui fa seguito il video a cartone animato programmato da diverse TV specializzate. 2007: Durante l'inverno presenta il CD con una serie di concerti dal vivo accompagnato dalla sua band. Viene realizzato il video a cartone animato del brano Lullaby dalla regista d'animazione Tiziana Cerri programmato da diverse TV specializzate (All Music, Faseweb, etc.) ed inviato a numerosi concorsi per cortometraggi. A marzo esce in tutte le sale nazionali il film a cartone animato "Il Topolino Marty e la Fabbrica di Perle" (Mediafilm - gruppo MEDUSA) con la canzone dei titoli di coda "Diamante" scritta da Stefano. A maggio esce nelle radio il singolo "SINGLE" ed il relativo video clip.
6 Dec 2008
4315
Share Video

4:37
Biografia Maxiata Il sound dei Maxiata matura dopo una attenta ricerca all’interno degli ambiti più disparati del rock e del funky. Si formano nel 2001 a L’Aquila dall’incontro di alcuni musicisti provenienti da esperienze musicali differenti dell’underground cittadino. A partire dal 2002 si dedicano alla registrazione del loro primo album “Maxiata”, un viaggio rock che attraversa storie e riflessioni autobiografiche, editato da Compagnia Nuove Indye e distribuito da Venus nel 2005. L’introduzione di tastiere e moog aggiunge al sound della band interessanti sonorità elettroniche. Nel 2005 realizzano un video clip “Verso Oriente”, trasmesso a lungo dall’emittente televisiva Rock TV. Partecipano come ospiti della trasmissione “Data Base” in onda su Rock Tv ed in altre trasmissioni televisive e radiofoniche di emittenti abruzzesi. Il 2006 vede i Maxiata coinvolti nella realizzazione di un nuovo ed importante progetto discografico, la realizzazione di un video clip, “Scalda il sangue” e la registrazione di un ep composto da 5 tracce audio e una traccia video, in uscita per Compagnia Nuove Indye nella primavera 2007.
18 Nov 2008
502
Share Video

3:35
Numero 6 è il progetto artistico del cantante, chitarrista e autore Michele Mezzala Bitossi (già leader dei Laghisecchi, band autrice degli apprezzati Lp Radical Kitsch, Noys/Sonymusic, 1998 e Trés bien: Piano B, Baracca & Burattini/Edel, 2001) e di Stefano Picchiami Piccardo (chitarre, tastiere, voce). Il nome del gruppo deriva dalla serie tv di culto inglese The prisoner. Dall'incontro di questi due musicisti genovesi è scaturito, nel corso del 2003, il primo lavoro discografico targato Numero6 e intitolato Iononsono (Alternative produzioni/Warner Music), esordio che ha riscosso incoraggianti consensi di pubblico e critica. Nel 2004, grazie anche ai singoli La stabilità e I'm the line, i cui videoclip sono stati trasmessi con frequenza dalle emittenti musicali e dal circuito delle radio alternative, i Numero6 hanno avuto un'intensa attività live in tutta Italia imponendosi come una delle più interessanti realtà emergenti all'interno del panorama pop-rock indipendente italiano. A partire da luglio 2005 il duo (in collaborazione con alcuni amici musicisti) ha intrapreso la produzione del nuovo album. I Numero6 hanno svolto la preproduzione e le registrazioni del disco a Genova nel loro studio. Il mixaggio è stato curato dall'italo-australiano Maurice Andiloro (già al lavoro con Afterhours, Nada, Mauro Pagani e tanti altri) mentre il mastering è avvenuto i primi di dicembre 2006 allo Sterling Sound di New York ad opera di Greg Calbi. La produzione artistica è stata di Michele Bitossi. Dovessi mai svegliarmi, questo il titolo del disco, esce in tutta Italia ad aprile 2006 su etichetta Eclectic Circus/V2 e propone i Numero6 alle prese con 12 canzoni vive e pulsanti, in bilico tre indie-rock e melodia. Il progetto si avvale della presenza di alcuni dei piu' interessanti scrittori italiani - Marco Mancassola, Paolo Nori, Gianluca Morozzi, Marco Missiroli, Valeria Parrella - che per l'occasione compaiono all'interno del booklet con interventi inediti ispirati dall'ascolto del disco. Dovessi mai svegliarmi viene anticipato a inizio marzo dalla pubblicazione in rete del primo singolo Le parole giuste disponibile in download gratuito dal sito della band. Il brano è inoltre accompagnato dal relativo videoclip. Quello dei Numero6 è un pop-rock frizzante, talvolta ironico e naif, in cui trovano spazio armonie e progressioni di accordi insolite, strutture di brani spiazzanti e sonorità elettroniche, senza che per questo si rinunci a lavorare su melodie innegabilmente imbevute di certa tradizione italiana cantautorale. Le parti vocali non convenzionali, i testi dalla verve molto originale e le trame imprevedibili della sezione ritmica rappresentano altre importanti peculiarità del suono-Numero 6.
18 Nov 2008
843
Share Video

3:57
Alessandro Camattini (in arte Kama) nasce a Desio (MI) nel 1976. Studia percussioni al Conservatorio di Milano col maestro Franco Campioni. Laureato in psicologia a Padova ed iscritto attualmente alla facoltà di medicina. Per oltre otto anni è autore, compositore e batterista degli Scigad, band milanese, con la quale suona in tutta Italia anche a fianco di Carmen Consoli, Afterhours, Bluvertigo e come supporter di BB King al Palavobis di Milano. Conclusa l’esperienza con gli Scigad collabora alla registrazione del disco e al tour di Fabrizio Coppola ed inizia il progetto solista. L’EP autoprodotto “Uno Specchio un Lavandino” ottiene inaspettate recensioni della critica e lo spingono a proseguire fino ad apparire tra i vincitori del MEI Fest a Faenza nel 2003. Nel 2005 Kama firma per l’Eclectic Circus . La Musica. Pulito come il Glen Grant, semplice, poche essenziali intuizioni senza inutili ridondanze. A qualcuno ricorda Ivan Graziani, a qualcun’altro Jeff Buckley. C’è chi lo assimila a Badly Brawn Boy o a Beck per le musiche elementari ed intelligenti capaci di appiccicarsi immediatamente in testa. Dai Beatles a Bertoli. Certamente pochi punti di riferimento... I Testi. L’occhio di Kama è attento a cogliere “l’altra faccia dello specchio” delle cose vede. La convivenza diventa un “caffè dal gusto inutile” condito dall’amore di pesci rossi immaginari. L’idiozia dell’uomo che uccide l’uomo si trasforma nel proclama nonsense “Oggi ho vinto a Risiko che c’ho il fisico”. Uno sguardo immobile su un popolo che corre senza sapere dove andare. Il desiderio di tornare all’essenza delle cose con ironia, lucidità e criticismo: “dare del lei all’informazione anche se lei ci da del tu” , “smettere di comperare cose”. I Musicisti. Kama suona con Alessandro Annibale (Alebasso), Riccardo Pastorini (Iki, chitarra) e Stefano Clessi (batteria). Con questi musicisti e la produzione artistica di Lorenzo Corti Kama si accinge a registrare il primo disco solista.
18 Nov 2008
1656
Share Video

3:53
Mario muove i suoi primi passi nel mondo discografico con il progetto "Bravi Ragazzi", band fondata da lui stesso nel 1998. L'esperienza pero' che gli permette di esprimersi maggiormente viaggia parallelamente ai "Bravi Ragazzi" e prende il nome di "Succo Marcio". Mario, ad oggi, e' uno dei quattro componenti (voce - chitarra ritmica) di una tra le band piu' interessanti, e scaricate dal web, del panorama emergente italiano. Con i "Succo" Mario gira l'Italia, arrivando nel 2005 fino al main stage dell'Heineken Jammin' Festival a fianco di Garbage, Green Day e R.E.M. L'incontro con Poci One arriva grazie alle selezioni provinciali di un concorso. Mario si guadagna la possibilità di esibirsi sul palcoscenico di una tra le più significative manifestazioni rivolte al sociale nella provincia di Como, al fianco di artisti del calibro di Niccolo' Fabi, Alberto Fortis, Irene Grandi, Gatto Panceri, Elio e tanti altri big della musica italiana, ottenendo numerosi apprezzamenti dati dalla freschezza delle sue composizioni. Nell'autunno 2006 Mario entra in studio di registrazione per dare vita al suo nuovo progetto, nella speranza di poter presto aver la possibilita' di condividere la particolare ed intrigante magia trasmessa dalle sue canzoni, con il grande pubblico. Il 20 Aprile 2007 con l'esordio radiofonico di "Seguimi sulla A14", ecco un primo frizzante assaggio dell'Album di Mario, la cui pubblicazione è prevista.
19 Nov 2008
956
Share Video

3:12
Autorecantante ticinese, propone un grappolo di brani cantati in italiano, musicalmente eclettici e difficilmente accostabili ad un solo genere musicale. Un mix di suoni acustici ed elettronici artigianalmente cuciti insieme a testi surreali, un po' sibillini. Una proposta artistica così particolare non poteva che nascere in un ambiente, quello di Lugano e della Svizzera italiana, al di fuori dai soliti circuiti musicali italiani. Gionata inizia la sua carriera artistica nei primi anni '90, dopo una serie di esperienze con gruppi diversi nel '96 pubblica un album con gli Isolati Piovaski, grazie al quale ottiene ottimi consensi di pubblico e critica in Svizzera. Nel '98, terminata l'esperienza con gli Isolati Piovaski, inizia a comporre e registrare, nella sua soffitta-laboratorio con piccolissima vista lago, una serie di brani grazie ai quali riesce a firmare un contratto con la Sony Music Italy. Il 20 luglio 2001, esce il suo primo album, "Mi sono acceso" (Sonica/Virgin). La produzione di "Mi sono acceso" è curata, oltre che dallo stesso Gionata, da Gianni Maroccolo (Litfiba, CSI, PGR). All'inizio del 2002 produce e pubblica "L'uomo e lo spazio", un concept album ispirato all'epopea spaziale umana anni '60. Con il brano "Gioia modesta", estratto da questo secondo disco, partecipa alla fase finale del premio Recanati 2002.. Nel mese di ottobre dello stesso anno pubblica "Cahier du Mexique", un album scritto a quattromani con il poeta Elia Buletti che contiene il brano e il video "Ho incontrato il ragazzo che distrusse l'universo", premiato come "Miglior Videoclip Italiano Assoluto" al MEI 2002 di Faenza. Nel 2003, con Davide Bolgè di 4th Floor Design tenta un' esperimento che non ha precedenti, libera nei luoghi pubblici di 4 città svizzere 999 copie di una compilation con 16 suoi brani e due video dando vita al progetto "Clone", invitando i passanti che trovano il disco a raccoglierlo, ascoltarlo, copiarlo e liberarlo. Nel novembre del 2005 il video del brano “Niente di giovane dietro una droga” riceve il premio “Miglior idea/soggetto 2005” al meeting di Etichette Indipendenti di Faenza.
9 Feb 2009
1090
Share Video

7:41
Qui Fratello Rici ha deciso di filmare il suo socio Piero Passatore, senza nessun tipo di preavviso, e fargli due domande sull’hip hop e il loro progetto 'The Italian Album'.
19 Nov 2008
523
Share Video