Elicotteri Privi Di Contrassegni E Scie Chimiche

  • Share
    Share Video

  • Add
  • More
    Report this video as:
0 0
You have already voted for this video.
27 settembre 2008, alla fine, dopo numerose tergiversazioni ed al termine di una logorante trattativa, quas...
27 settembre 2008, alla fine, dopo numerose tergiversazioni ed al termine di una logorante trattativa, quasi tutte le organizzazioni sindacali in rappresentanza dei lavoratori di Alitalia, hanno deciso di sottoscrivere l'accordo con C.A.I., auspice l'esecutivo. Solo alcune sigle, non molto rappresentative, si sono rifiutate di siglare il contratto. Durante le settimane in cui, scaduti mille ultimatum, si sono svolti i negoziati Alitalia-C.A.I., i voli chimici si sono diradati in tutta Italia: le segnalazioni di tankers sono diminuite. Inconsueto è stato il numero di elicotteri privi di contrassegni identificativi. Firmata lintesa, però, si è assistito ad una spaventosa recrudescenza dell'attività, soprattutto nelle ore notturne, con decine di sorvoli di aerei spesso in formazione, per lo più, a bassa quota. E' come se, dopo una sospensione forzata, si sia deciso di recuperare il tempo perduto per diffondere elementi chimici, agenti patogeni e smart dust in quantità industriali. I forsennati non possono tollerare che la biosfera non sia devastata in maniera micidiale e che la popolazione non sia controllata. E' ben strana la coincidenza tra la crisi di Alitalia e la rarefazione dei voli chimici, come è singolare la concomitanza tra firma del contratto ed immediata ripresa a spron battuto delle irrorazioni. Infine il personale della compagnia di bandiera ha ottenuto risultati insperati, grazie alla pazienza, alla sollecitudine ed all'infinita benevolenza di privati e governo. Alcuni piloti Alitalia hanno forse un potere contrattuale notevole che deriva loro dal possesso di informazioni sensibili? Forse, senza il loro fondamentale contributo, le azioni di avvelenamento globale risulterebbero meno costanti e meno diffuse nelle varie regioni italiane ed altrove?
Categories:
Related